Eye-tracking: confronto fra ricerca classica e ricerca di informazione

Eye-tracking e il triangolo d'oro di Google

Print Friendly, PDF & Email

Ultimo aggiornamento: 02/05/2017 09:18

Se si vogliono ottenere molti click, quando si compare negli elenchi dei risultati di ricerca che gli utenti effettuano sui motori come Google, è importante sapere anche quali sono parti dello schermo in cui è più facile essere notati, in modo da cercare di apparire proprio lì.
Alcuni anni fa fu osservato come si muovevano gli occhi (eye-tracking "Oculometria") dell'utente quando leggevano la lista dei risultati di ricerca, ovvero la cosiddetta "SERP". Il movimento degli occhi fu seguito tramite apposite apparecchiature come telecamere in grado di tracciare il movimento delle pupille rispetto al resto della testa. Questo evidenziò che l'attenzione dell'utente era concentrata su un zona pressappoco di forma triangolare sulla parte alta e sinistra dei risultati di ricerca, il famoso "golden triangle" o "triangolo d'oro" (vedi immagine di copertina).

Dal 2005 al 2015 gli studi sul comportamento degli occhi degli utenti quando osservano la pagina dei risultati di ricerca hanno evidenziato che oramai non esiste più il cosiddetto "triangolo d'oro". Infatti il motore di ricerca Google ha implementato soluzioni talmente complesse per elaborare la lista dei risultati di ricerca, che oramai è molto difficile individuarne uno schema unico e semplice. Google è riuscito a "spalmare" il movimento degli occhi quasi su tutta la pagina e a fornire SERP dall'aspetto molto vario e imprevedibile, per cui possiamo dire addìo alle vecchie strategie di posizionamento.
Tracciamento oculare
Questo significa che non è più necessario comparire fra le prime 3 righe della SERP, poiché l'occhio dell'utente si muove su tutta l'altezza della pagina (grandezza dello schermo permettendo). Inoltre l'aspetto secondo cui appaiono tali risultati e fortemente personalizzato rispetto all'utente, in base alle sue precedenti ricerche, ai suoi segnalibri e alla sua posizione geografica. Da quando è nata la "Serp Integrata", sono apparse immagini, anteprime di video, mappe, schede, riquadri informativi e altro ancora, che disperdono l'attenzione del navigatore su tutta la pagina (vedi immagine sottostante).

movimento della pupilla su tutta la pagina
E' quindi consigliabile che un esperto di posizionamento (SEO Expert) conosca e utilizzi tali formati in cui può apparire l'informazione sulla pagina in modo da ottimizzare i risultati di rendimento (CTR = numero di click rispetto alla quantità di apparizioni).
Ciò che è più appariscente, cattura maggiormente l'attenzione. Ad esempio le immagini sono ciò che attira di più l'occhio dell'utente, a meno che egli le consideri poco attinente a ciò che cercava. Google è riuscito a migliorare talmente tanto i suoi algoritmi di interpretazione delle richiste di ricerca (Query), che mentre alcuni anni fa l'utente impiegava oltre 15 secondi per controllare la SERP, ora ne impiega solo 9, poiché trova più facilmente ciò che cercava.

Quando un utente cerca qualcosa può avere vari scopi, ad esempio cercare una informazione, oppure cercare un sito, oppure ancora, compiere un acquisto: Google indovina quali sono gli scopi, e ad ognuno propone un aspetto diverso dei risultati.
Con le ricerche informative lo sguardo dell'utente si concentra solo sulle prime due righe della SERP. Mentre con ricerche finalizzate ad acquisto di prodotti, lo sguardo dell'utente forma ancora il classico triangolo d'oro (vedi immagine di copertina).

Tuttavia, una volta riusciti a far cliccare il navigatore sul nostro link, se non abbiamo validi contenuti e presentati in modo accattivante, abbandonerà molto presto il nostro sito, in cerca di altre alternative. Questo accadrà anche se i risultati non sono  pertinenti, deludendo le aspettative di chi cerca con false promesse. In questo caso saranno sia il motore di ricerca che l'utente a penalizzare il sito web.

Copyright © 2017 operedigitali.com ®

Articoli correlati: COME FARE MARKETING ECONOMICO E DI SUCCESSO, Altissima personalizzazione: un esperto al tuo servizio, Servizi Offerti: Opere Digitali

Print Friendly, PDF & Email